Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2018

Anniversario di Apollo 13 con Lovell, Haise e Kranz

Immagine
Sono passati 48 anni dalla sfortunata, ma ormai leggendaria missione Apollo 13. Tra anni fa ho partecipato alla reunion dell'equipaggio con i dipendenti della Grumman a New York. Di seguito il ricordo di quella serata indimenticabile. Garden City, New York  16 aprile 2015 Il Cradle of Aviation Museum ha ospitato la celebrazione del 45 ° anniversario dell missione Apollo 13, con la presenza degli astronauti Jim Lovell, Fred Haise e del Flight Director, Gene Kranz. E' stata una serata speciale perché non solo ha onorato i due astronauti e il direttore di volo e il team della NASA che li aiutò a tornare a casa sani e salvi.  La serata ha anche ricordato coloro che hanno lavorato alla missione costruendo il modulo lunare creato dalla Grumman, a coloro che hanno aiutato la NASA a guidare la squadra verso casa il 17 aprile del 1970. Ho avuto il privilegio di fare un tour del Museo con  Lovell, Haise (Astronauti) e Kranz (direttore di volo). Le loro parole piene di sag

Le celle a combustibile delle missioni Apollo

Immagine
Quarantasei ore e 43 minuti dall'inizio del volo di Apollo 13, il Capcom Joe Kerwin contatta il comandante Jim Lovell: "La nave spaziale è davvero in forma per quanto ci riguarda e ci annoiamo molto". Nove ore dopo, le cose diventarono molto meno noiose:un rimescolamento di routine dei serbatoi criogenici dell'ossigeno per evitare che il prezioso gas super-raffreddato si stratificasse, causò un'esplosione nel serbatoio 2. Con la fuoriuscita questo gas vitale, Apollo 13 perse lentamente elettricità, luce e la fornitura dell'acqua. Naturalmente nessuno a bordo o a Houston sapeva in quel momento cosa esattamente era successo e che l'equipaggio di Apollo 13 non sarebbe atterrato sulla Luna. Il personale della Nord American mostra l'acqua e l'elettricità prodotte dalle celle a combustibile che alimentavano la navicella Apollo. (Credit: Museo Nazionale di Storia Americana) La perdita di un serbatoio di ossigeno stava paralizzand

La nuova ricetta potrebbe aiutare a testare i rover e costruire le basi lunari

Immagine
Una tecnologia per produrre un materiale che ricorda da vicino la regolite rocciosa che si trova sulla superficie della luna potrebbe aiutare gli scienziati a progettare rover lunari migliori e più resistenti. L’ingegnere Vince Roux, uno dei creatori della regolite lunare artificiale durante una recente intervista a Space.com: "Il materiale sulla luna è così aggressivo che distrugge le tecnologie che inviamo lassù, ecco perché la maggior parte delle missioni è durata solo poche settimane, perché le particelle penetrano nelle articolazioni e lacerano i tessuti delle tute spaziali”. Agglutinati ottenuti da un materiale a base di basalto trovato sulla Terra.  Credito: Off Planet Research, LLC Finora, i ricercatori hanno creato materiale simile alla regolite lunare - l'originale è conservata presso il    Lunar Samples  al Johnson Space Center di Houston,Texas - semplicemente sbriciolando dei basalti e delle rocce vulcaniche che si possono trovare sulla Terra, creando la