Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2015

Sì, torneremo sulla Luna!

Immagine
Tornare sulla Luna? Se ne parla ormai da tempo, ma prima di parlarne nelle pagine di questo blog, ho atteso di capire se questa volta si fa sul serio.  L'impronta dell'uomo sul suolo lunare Recentemente ho visto le nuove infrastrutture della NASA e dell'ESA che lasciano intravedere un reale impegno nelle missioni spaziali umane a lungo raggio, ho parlato con gli astronauti che si preparano alle future missioni, ho visto il fermento scientifico in atto, non si tratta più di semplici proclami per ottenere dei fondi, ma di un serio impegno per tornare sul nostro satellite naturale. Nel dicembre del 1972 l'uomo lasciò le sue ultime impronte sul suolo lunare, il Comandante della missione Apollo 17, Eugene Cernan fece un salto per risalire la scaletta del Modulo Lunare e la Luna tornò ad essere un luogo desolato senza vita. il Comandante della missione Apollo 17,  Eugene Cernan Oggi a distanza di 43 anni diverse nazioni lavorano per tornare sul nostro sa

Apollo 8: William "Bill" Anders

Immagine
Il 21 dicembre del 1968, i primi esseri umani lasciarono l'orbita terrestre per dirigersi verso la Luna. Il Comandante della missione era Frank Borman, il Pilota del Modulo di Comando era  James Lovell , mentre il Pilota del Modulo Lunare (in questa missione non ancora pronto al volo) era William Anders, il nostro protagonista.                   L'equipaggio di Apollo 8 da sinistra: Frank Borman, Bill Anders e Jim Lovell (NASA) I tre divennero i primi uomini a vedere con i loro occhi il lato opposto della Luna. L'equipaggio viaggiò per tre giorni verso la Luna e orbitarono  10 volte nel corso di 20 ore, durante le quali l'equipaggio realizzò una trasmissione televisiva alla vigilia di Natale. A quel tempo, la trasmissione fu il programma televisivo più visto nella storia. La missione si concluse con successo il 27 dicembre 1968, quando ammararono nell'Oceano Pacifico. Bill Anders (NASA) William Anders, all'epoca il più giovane dell'equip

SpaceX: Primo storico atterraggio di un lanciatore orbitale.

Immagine
il lancio del razzo Falcon 9 La SpaceX ha lanciato (video) il suo razzo Falcon 9 dal Complex 40 di Cape Canaveral in Florida alle ore 01,29 GMT del 22 dicembre. La missione di aveva come obiettivo  l'inserimento in orbita terrestre di 11 satelliti per comunicazioni. (Orbcomm). Dopo circa quattro minuti di volo i satelliti erano nello spazio e il razzo ha riacceso i suoi motori per spingere se stesso verso il sito di lancio. La decelerazione durante la discesa,  (47,5 m/s) ha generato un boom sonico, la prima ascoltata dalla costa della Florida, dopo l'ultima generata dal rientro dello Space Shuttle nel 2011. Il razzo ha aperto le quattro gambe ed è sceso in posizione verticale su un a piattaforma di lancio del Complesso 13, ora conosciuto come "Landing Zone 1", situato a 9 km da dove era stato lanciato.  Il touchdown controllato è stato il primo nella storia , rendendo possibile il suo riutilizzo. gli attimi finali dell'atterraggio

APOLLO 8: "Un Natale in orbita lunare"

Immagine
Alla vigilia di Natale del 1968, tre uomini viaggiavano in direzione della Luna. Nessuno aveva mai osato allontanarsi dall'orbita terrestre, perché questo avrebbe significato inoltrarsi verso l'ignoto, verso lo Spazio profondo.  Non c'era la certezza che tutto avrebbe funzionato a dovere. La NASA aveva considerato i rischi di una simile decisione, ma il modulo lunare non era pronto e la fine del decennio era vicina. (Apollo 8 avrebbe dovuto testare il modulo lunare in orbita terrestre, ma la missione venne posticipata ed effettuata dalla missione Apollo 9). I tre uomini a bordo erano gli astronauti americani: Frank Borman, James "Jim" Lovell e William "Bill" Anders , ed erano pronti a tutto anche a passare alla Storia come i primi esseri umani ad orbitare intorno alla Luna. Borman": La NASA ci aveva informato che saremmo stati ascoltati da tutto il mondo e ci chiese di dire qualcosa di appropriato. Pensammo ai versetti della Genesi,

Earthrise 1968 - 2015

Immagine
Il 24 dicembre 1968 l'equipaggio dell'Apollo 8 immortalò la Terra che sorgeva sul suolo lunare. (Earthrise). Probabilmente l'immagine più famosa dell'intero Programma Apollo, lo scatto entusiasmò il mondo intero e ancora oggi ci si chiede chi fu l'autore: Frank Borman, J amesLovell o William Anders? (Una storia che racconto nel libro: Progetto Apollo "Il sogno più grande dell'uomo") Per la prima volta gli essere umani vedevano con il loro occhi, il Pianeta Terra dalla Luna.   Earthrise, dicembre 1968  Credit: NASA Lo scatto di oggi ricorda anche il famoso "Blue Marble" immortalato dall'astronauta Harrison Schmitt durante la missione Apollo 17   del 1972.   Blue Marble, dicembre 1972  Credit: NASA Dall'immagine ripresa da Apollo 8 a oggi, sono passati 47 anni e una nuova straordinaria immagine ci viene inviata dal Lunar Reconnaissance Orb

Plutone: nuove sorprendenti immagini

Immagine
Cinque mesi dopo essere passata vicino a Plutone, la sonda della NASA New Horizons, ha ripreso nuove immagini e dati di questo mondo di ghiaccio e del suo sistema di satelliti,  Alan Stern ha presentato i risultati:  "Non siamo ancora arrivati al 50% della trasmissione dei dati sul sistema di Plutone, ma una grande varietà di risultati scientifici stanno già emergendo".  Le ultime immagini, raccontano la geologia e la composizione di Plutone, così come nuovi dettagli circa l'inaspettata foschia nell'atmosfera e la sua interazione con il vento solare.  Prove di attività glaciale, compresa la formazione di valli erose, alcune delle quali sono molto simili a quelle nel Parco Nazionale americano di Yellowstone, nel Wyoming.  Alan Howard dell'Università della Virginia, Charlottesville, collaboratore scientifico del team di New Horizons:  "Plutone ha superato di gran lunga le nostre aspettative nella diversità di forme e processi - processi che continuan

Boing 747 riprende la Soyuz durante il lancio

Immagine
I piloti di linea, mentre volano a  circa 8 km sopra il nostro pianeta, hanno una visione differente e privilegiata  della Terra (dopo gli astronauti).   Durante il lancio della Soyuz, il 15 dicembre scorso, i piloti di un Boing 747 della compagnia aerea Lufthansa,  Michael Schwarz e Frank Barma hanno avuto la fortuna di vedere dal loro aereo il lancio di: Tim Peake, Tim Kopra e Yuri Malenchenko, e s ono riusciti a scattare queste immagini del razzo Soyuz durante la sua ascesa allo spazio.  La Soyuz appare come una "Cometa" fra Terra e Luna. Tutti i lanci di razzi sono coordinati con i controllori di volo che reindirizzano il traffico aereo per tenerli a distanza di sicurezza. Nel momento in cui sono state scattate queste foto, il volo  Lufthansa volo LH 713 si trovava sulla Russia, a circa 100 km ad est di Novosibirsk.   Il Boing 747 era in rotta da Seoul a Francoforte. Credit: ESA

Ti porto la Luna 2017

Immagine
“Un pezzo di Luna in tour” La roccia lunare di questa  terza edizione  sarà un campione di Apollo 15 raccolto dall'astronauta James Irwin alla stazione 8, adiacente al modulo di atterraggio lunare. Il peso del campione è di 109 grammi ed è un frammento della roccia originale, che pesava 2.672 grammi, una volta tornato sulla Terra. La roccia è un basalto lunare di circa 3,3 miliardi di anni fa. Questo pezzo di Luna è più antico del 98% di tutte le rocce presenti sulla superficie terrestre. "Sono lieto di continuare la mia collaborazione con la NASA e di ricevere la possibilità di esporre una roccia lunare nel mio Paese"  Luigi Pizzimenti Dopo il grande successo del tour di conferenze lunari:  Ti porto la Luna   2015 e 2016, ideato e realizzato da Luigi Pizzimenti, Presidente di ADAA Associazione per la Divulgazione Astronomica e Astronautica che ha girato l'Italia con un campione lunare raccolto dagli astronauti delle miss