Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2021

28 aprile 2021 Michael Collins è deceduto.

Immagine
L'astronauta, pilota del modulo di comando della missione Apollo 11,  Michael Collins, che orbitò da solo intorno alla luna durante la prima storica missione di allunaggio, è morto oggi all'età di 90 anni. Nota della famiglia: "Siamo spiacenti di condividere che il nostro amato padre e nonno è morto oggi, dopo una battaglia valorosa contro il cancro. Ha trascorso i suoi ultimi giorni serenamente, con la sua famiglia al suo fianco", ha detto la famiglia Collins in un comunicato. "Mike ha sempre affrontato le sfide della vita con grazia e umiltà, e ha affrontato questa, la sua ultima sfida, allo stesso modo. Ci mancherà terribilmente. Ma sappiamo anche quanto Mike si sentisse fortunato ad aver vissuto la vita che ha fatto. Onoreremo il suo desiderio di celebrare, senza piangere, quella vita". "Vi preghiamo di unirvi a noi nel ricordare con affetto e gioia il suo spirito acuto, il suo tranquillo senso dello scopo e la sua saggia prospettiva, acquisita sia

Al Worden (1932–2020) Apollo 15 Cmp

Immagine
Born and raised on a farm outside Jackson, Michigan, Al Worden (1932–2020) made history as the Command Module Pilot on Apollo 15, which celebrates its 50th anniversary this summer. On that mission—deemed the 'most scientific' of all Apollos—Worden famously performed the first-ever deep space EVA, exiting the spacecraft at a distance of more than 196,000 miles away from Earth to retrieve film canisters from the Service Module's SIM bay. With Commander Dave Scott and Lunar Module Pilot Jim Irwin, Worden formed one third of the only all-Air Force Apollo crew. His path to NASA began with the decisions made in his youth: upon graduating from the United States Military Academy at West Point in 1955, he chose to be commissioned into the Air Force—despite no experience as a pilot. Excited by the prospect of flight, he first trained in Texas on the Beechcraft T-34 before advancing to Lockheed T-33 jet trainers. From there, he went on to Air Defense Command training at Tyndall Air Fo

12 aprile 1981 Decolla il primo Space Shuttle

Immagine
La prima missione dello Space Shuttle fu definita il volo di prova più audace in storia. Nessuna possibilità di salvarsi in caso di incidente dopo il lancio, nessuna garanzia di un rientro con atterraggio senza motori. Erano necessari nervi saldi e una preparazione infinita in diversi campi. Per questo compito ai comandi venne scelto l'astronauta più esperto della NASA: John Young che aveva già effettuato due voli Gemini e due voli Apollo. Al suo fianco Bob Crippen come co-pilota.  Quando i motori dello Space Shuttle Columbia lanciarono la missione STS-1 dal Kennedy Space Center in Florida il 12 aprile 1981, al momento del lancio  il comandante John Young  (scomparso il 5 gennaio 2018) disse al pilota Robert Crippen che stavano per fare un viaggio avventuroso verso una nuova frontiera. Crippen ricorda: " Non c'era dubbio che si era diretti da qualche parte, è stato un bel calcio nei sedere" . Il nuovo sistema di lancio, versatile e riutilizzabile, era alimentato da s

12 aprile 1961 Jurij Gagarin

Immagine
Gagarin: "Ved o la Terra!  E 'così bella! " Vostok è la prima astronave del mondo con un uomo a bordo, è stata lanciata in orbita dall'Unione Sovietica il 12 aprile 1961. Il  pilota dell' astronave è un cittadino dell'Unione Sovietica, il Maggiore Yuri Gagarin.  Questo fu  l'annuncio, fatto mentre  Gagarin  era ancora nello spazio.  Gli americani rimasero storditi, ma le loro congratulazioni inviate a Mosca erano autentiche.  Questo  storico volo di 108 minuti, fece di  Gagarin il primo uomo nello spazio, un eroe internazionale.  Aveva solo 27 anni.  La NASA si precipitò per inviare un astronauta nello spazio e nel maggio 1961 Alan Shepard diventò il primo astronauta americano, anche se con un volo balistico suborbitale.  Due giorni dopo il ritorno di Vostok 1, Gagarin era a Mosca e dal balcone del Cremlino con il premier Nikita Khrushchev, saluto la folla impazzita dalla gioia.  Quarantotto ore prima, era sconosciuto, ora era senza alcun dubbio l'uomo

Pillole di Apollo: Il kit medico a bordo delle Missioni Apollo

Immagine
In tempi da pandemia, sentiamo parlare di farmaci, vaccini, iniezioni.. Ma come si curavano gli astronauti a quasi 400.000 chilometri dalla Terra? Il modulo di comando Apollo, trasportava nell'alloggiamento inferiore dell'equipaggiamento della navicella, un piccolo kit medico. Progettato per le situazioni di emergenza, conteneva farmaci e pillole per il dolore, la cinetosi e la diarrea; così come stimolanti, antibiotici, decongestionanti e aspirina, farmaci iniettabili, bende, agenti topici (crema di primo soccorso, crema solare e una pomata antibiotica) e infine delle gocce per irritazioni oculari. (Molto importanti in caso di contatto con la polvere lunare). Il kit medico era fatto di tessuto Betacloth (lo stesso utilizzato per le tute Apollo) e misurava circa 18 x 13 x 13 cm. Non c'era un kit medico "standard" per tutto il programma: mentre il contenuto di base rimaneva in gran parte lo stesso da una missione all'altra, il kit veniva rivisto dopo ogni missi