mercoledì 28 aprile 2021

28 aprile 2021 Michael Collins è deceduto.

L'astronauta, pilota del modulo di comando della missione Apollo 11,  Michael Collins, che orbitò da solo intorno alla luna durante la prima storica missione di allunaggio, è morto oggi all'età di 90 anni.

Nota della famiglia:

"Siamo spiacenti di condividere che il nostro amato padre e nonno è morto oggi, dopo una battaglia valorosa contro il cancro. Ha trascorso i suoi ultimi giorni serenamente, con la sua famiglia al suo fianco", ha detto la famiglia Collins in un comunicato. "Mike ha sempre affrontato le sfide della vita con grazia e umiltà, e ha affrontato questa, la sua ultima sfida, allo stesso modo. Ci mancherà terribilmente. Ma sappiamo anche quanto Mike si sentisse fortunato ad aver vissuto la vita che ha fatto. Onoreremo il suo desiderio di celebrare, senza piangere, quella vita".

"Vi preghiamo di unirvi a noi nel ricordare con affetto e gioia il suo spirito acuto, il suo tranquillo senso dello scopo e la sua saggia prospettiva, acquisita sia guardando la Terra dal vantaggio dello spazio che guardando attraverso le acque calme dal ponte della sua barca da pesca".

Come pilota del modulo di comando nella missione Apollo 11 della NASA, Collins ha orbitato intorno alla luna mentre Neil Armstrong e Buzz Aldrin sono scesi alla Tranquility Base il 20 luglio 1969. Quando i suoi due compagni tornarono dalla superficie, Collins si trovò nella posizione unica di scattare una foto a tutta l'umanità - i suoi compagni a bordo del modulo lunare e tutti gli altri sulla Terra in lontananza.

Il Controllo Missione paragonò l'esperienza di Collins a quella del primo essere umano esistente. "Dai tempi di Adamo nessun uomo ha conosciuto una tale solitudine", disse un commentatore della missione. Collins ha poi respinto questo paragone: "E' una sciocchezza", ha detto in occasione del 50° anniversario della missione Apollo 11 nel 2019. «Mettete un abitante delle Isole Samoa sulla sua piccola canoa nel mezzo del Pacifico, di notte, senza che sappia dove sta andando né come arrivarci. Solo le stelle gli sono amiche e non ha nessuno con cui parlare. Quell'uomo è solo. Io non ho avvertito quel tipo di solitudine», racconta. «È vero, non avevo il comando di missione che mi parlava ininterrottamente per ore - per 40 minuti o poco più mi trovavo dietro alla Luna - ma ero nella mia piccola, confortevole capsula. Il Columbia era gradevole, sicuro, spazioso. Avevo caffè caldo, la musica se la volevo e un bel panorama fuori dall'oblò.»

                                         Michael Collins in una delle sue ultime interviste

Membro del terzo gruppo di astronauti selezionati dalla NASA nel 1963, il percorso di Collins per partecipare al primo allunaggio iniziò con un volo di tre giorni in orbita terrestre. Assegnato come pilota a bordo di Gemini 10, Collins con John Young furono lanciati nel luglio 1966 in una missione che effettuò il rendezvous e l'attracco con un razzo Agena.



Collins eseguì due passeggiate spaziali su Gemini 10, diventando la quarta persona ad uscire da un veicolo spaziale per lavorare nel vuoto dello spazio. Durante la sua seconda attività extraveicolare (EVA), Collins divenne il primo astronauta a trasferirsi su un altro veicolo, recuperando un rilevatore di polvere cosmica dall'esterno del razzo Agena lanciato in precedenza. La sua passeggiata spaziale, tuttavia, non è stata senza difficoltà.


Collins racconta: "Arrivo a questo maledetto Agena, che non è fatto per essere afferrato, e devo afferrarlo, così, la prima volta che l'ho afferrato sono andato fino al portello di aggancio. I collari di attracco sono costruiti per essere belli e lisci in modo che la sonda che ci va dentro sia ben aderente. Hanno labbra e bordi lisci, Beh, ho afferrato il collare di attracco. Non era fatto per essere afferrato - guanti ingombranti, e il mio slancio mi stava ancora portando in avanti, così sono semplicemente scivolato oltre, e mentre passavo, sono andato a carambolare contro il razzo, rimbalzando più volte."

Collins ha poi utilizzato un propulsore a gas portatile per il controllo del suo assetto e dopo che Young ha avvicinato la capsula Gemini, ha provato di nuovo, questa volta afferrando con successo alcuni fili dell'Agena per stabilizzarsi.

"Era più un'acrobazia di un tizio su un trapezio", ha detto Collins. "Se ci avessimo pensato meglio, avremmo detto: Bene, quando arriverai laggiù cosa afferrerai? E poi con cosa lo prenderai, con quale mano? Come lo stabilizzerai? Dove metterai la tua mano e i tuoi piedi, e cosa ti terrà in posizione?  Forse la risposta sarebbe stata: Ehi, fai installare alla Lockheed un paio di appigli sulla parte anteriore dell'Agena e poi sarebbe stata una cosa relativamente semplice. Ma purtroppo non ci abbiamo pensato"

Michael Collins è stato il compagno perfetto per Neil Armstrong e Buzz Aldrin, un ottimo (fra i migliori) pilota del modulo di comando, ma soprattutto un uomo calmo e capace di tenere unito il team.





Durante il periodo in solitudine sul modulo di comando, prendeva appunti direttamente sulle pareti della capsula, recentemente tutti i dettagli sono stati svelati. Ne parlo quiSe qualcosa fosse andato storto con la risalita del modulo lunare, Armstrong e Aldrin sarebbero rimasti intrappolati in orbita lunare, e a Collins sarebbe toccato il compito di tentare di recuperarli.
In una serie di interviste al New York Times, ha raccontato che aveva  a disposizione diverse manovre di emergenza, studiate in base alla posizione del LM. Ma alcune erano così complesse che non erano mai state provate. Se avesse fallito, «non mi sarei suicidato. Sarei tornato a casa da solo, e loro sapevano: non ci fu bisogno di discuterne. Certo non sarebbe stato un viaggio facile».


Ho incontrato Collins diverse volte negli Stati Uniti, sempre disponibile, era un uomo di poche parole, gradevole. Cosciente di aver fatto parte della missione più importante della storia (ad oggi), ma non amava parlarne. I suoi interessi erano altri. Al termine della carriera astronautica fu nominato Direttore presso l'Air & Space Sminthosnian Museum di Washinghton. Appassionato da sempre di pittura, amava dipingere paesaggi bucolici. Un uomo del "Rinascimento" inserito nell'impresa più tecnologica di tutti i tempi.

     


Nessun commento: