domenica 29 dicembre 2019

U.S. Space Force

Annunciata già nel 2018, la nuova arma dell’esercito americano è da considerarsi ufficialmente istituita con la firma da parte del presidente del budget militare annuale da 738 miliardi di dollari (National Defense Authorization Act).
Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato la legge che istituisce le forze armate dello spazio che vanno ad affiancarsi all'esercito (Army), marina (Navy), aeronautica (Air Force) e Guardia Costiera. 
Dato che il governo e le forze armate statunitensi si affidano pesantemente ai satelliti per le previsioni del tempo, per raccogliere immagini ad alta risoluzione per l'intelligence e per dirigere i missili con i satelliti GPS, la minaccia, a loro parere è diventata ovvia.
Il segretario alla Difesa Usa, Mark Esper ha dichiarato: "Difendere gli interessi americani nello spazio è la missione delle forze spaziali degli Stati Uniti. Oggi il suo dominio è diventato un possibile teatro di battaglia"
Le forze spaziali Usa proteggeranno gli interessi nazionali americani con il particolare focus sullo spazio. Gli Stati Uniti hanno la miglior tecnologia spaziale del mondo. Come i marine, che operano sotto l’ombrello della Marina, le forze spaziali faranno capo all’Air Force. Trump aveva già istituito il Comando spaziale, lo SpaceCom. La nuova arma sarà costituita da circa 16.000 uomini tra militari dell’Air Force e civili. Non molti, ma per ora, abbastanza per gestire l'attuale tecnologia e operatività.
Il comandante della Space Force sarà il generale Jay Raymond che dichiara:“Istituendo le forze spaziali degli Stati Uniti, stiamo elevando lo spazio in modo commisurato alla sua importanza, a tutela degli interessi nazionali e quelli dei nostri partner e alleati”.
Cina, Russia e Stati Uniti hanno già settori militari dedicati allo spazio. La Russia ha fatto rivivere le Forze Spaziali Russe nel 2015 come ramo delle Forze Aerospaziali Russe. Nello stesso anno, la Cina ha istituito la Forza di Supporto Strategico dell'Esercito di Liberazione del Popolo come ramo dell'Esercito di Liberazione del Popolo dedicato allo spazio e alla cyberguerraglia.
Speriamo che lo spazio non diventi la nuova frontiera dove affrontarsi, un nuova "guerra fredda", sarebbe come non avere imparato nulla.




Nessun commento: