lunedì 29 marzo 2021

I ricercatori russi rivelano le cause di morte più comuni tra i cosmonauti

Il mese prossimo l'umanità segnerà il 60° anniversario della sua prima missione nello spazio, con oltre 560 persone di 41 paesi che hanno raggiunto l'orbita terrestre bassa, o addirittura andando sulla Luna dallo storico volo del cosmonauta Yuri Gagarin il 12 aprile 1961.

Yuri Gagarin
Le malattie cardiovascolari sono state la causa più comune di morte tra i cosmonauti sovietici e russi, secondo un'analisi completa di un gruppo di istituzioni mediche russe.

Il rapporto, compilato dall'Istituto di ricerca Izmerov dal Centro federale di medicina biofisica Burnasyan e dall'Istituto sui problemi biomedici, è stato compilato utilizzando i dati di 118 cosmonauti sovietici e russi tenuti sotto osservazione per un periodo che va dal 1° gennaio 1960 al 31 dicembre 2018. Durante questo periodo, 37 cosmonauti sono deceduti per una varietà di cause.

Un recente studio ha scoperto che il 48,65% dei 37 è morto per malattie cardiovascolari, con un altro 27,03% che ha ceduto a neoplasie maligne (tumori). Esattamente il 16,22% dei decessi sono stati il risultato di cause esterne (incidenti). "Altre" cause hanno rappresentato il 5,41% dei decessi, con la causa della morte indeterminata in un caso. L'età media della morte è di 64,4 anni, tenendo conto di tutte le cause.

Due giorni fa l'anniversario della morte di Gagarin, morto 27 marzo 1968. Il MiG-15 UTI di Gagarin si schiantò durante un volo di addestramento di routine appenafuori Mosca, uccidendo lui e l'istruttore di volo Vladimir Seryogin. Gagarin aveva solo 34 anni al momento della sua morte.

Da allora, altri sei cosmonauti sovietici e russi sono morti in incidenti, tra cui Vladimir Komarov, (a lato) morto nel 1967 quando il paracadute della missione Soyuz 1 non si aprì. Nel 1971, i cosmonauti Georgy Dobrovolsky, Viktor Patsayev e Vladislav Volkov (foto sotto) sono stati uccisi durante il rientro dopo lo sgancio dalla stazione spaziale Salyut 1. Valentin Bondarenko e Sergei Vozovikov morirono in incidenti durante l'addestramento rispettivamente nel 1961 e nel 1993.

Nel loro studio, i ricercatori hanno concluso che, poiché tutti i cosmonauti deceduti erano attivi durante il periodo degli albori della cosmonautica (il che significa che i loro voli erano generalmente brevi), mancano informazioni per valutare l'impatto del volo spaziale sulla salute a lungo termine.

L'Unione Sovietica e la Russia rappresentano quasi il 51% del tempo totale trascorso nello spazio, registrando oltre 29.100 giorni in orbita dall'inizio dei voli spaziali. Dei 34 cosmonauti sovietici e russi che hanno trascorso 365 giorni o più in orbita, 24 sono in pensione e due sono deceduti. Il resto rimane attivo.

I ricercatori dovrebbero presentare i loro risultati completi al 23° Simposio sui voli umani nello Spazio a Mosca (5 e l'8 aprile, 2021) Credito: Ilya Tsukanov

Nessun commento: