50 anni fa: Charlie Duke ricorda Apollo 16

Nel 50° anniversario dell'Apollo 16, l'astronauta Charlie Duke ricorda l’emozione del suo viaggio sulla Luna.


Charlie Duke
La sua tuta spaziale avrebbe potuto subire una perdita, uccidendolo sul posto, o il piccolo motore del lander lunare avrebbe potuto fallire, lasciando lui e John Young per sempre sulla Luna.

Ma il pericolo non era in primo piano nella mente di Charlie Duke 50 anni fa, questa settimana, quando lui e i colleghi astronauti dell'Apollo 16 John Young e Ken Mattingly erano nel bel mezzo di una delle ultime e più gioiose missioni NASA sulla luna.


Duke: ”Stavo pensando a quanto ero a mio agio lassù. Il nostro posto era sulla luna. È la natura dell'uomo esplorare, sia attraverso un microscopio, un telescopio o un'avventura come quella che abbiamo avuto noi"


Durante un programma che è poco conosciuto dalle giovani generazioni, due dozzine di astronauti americani visitarono la luna tra la fine del 1968 e la fine del 1972. La metà di loro ha camminato sulla sua superficie. Solo quattro di quest'ultimo gruppo sono ancora viventi: Charlie Duke, Buzz Aldrin, Dave Scott e Harrison Schmitt.


Duke oggi ha 86 anni. Ma viaggia ancora molto in tutto il mondo. Charlie racconta le sue esperienze lunari in modo che catturano il pubblico con umanità ed esperienza. Negli anni della nostra amicizia, mi sono spesso sentito come se fossi proprio lì con lui sulla luna, mentre condivideva con me la sua storie dei tre giorni di esplorazione lunare o mi indicava al telescopio il luogo dove era allunato con Young. Fa sembrare semplice quello che ha realizzato e ogni volta mi emoziona.


Il programma Apollo iniziò con grande urgenza nei primi anni '60, quando gli Stati Uniti erano impegnati nella corsa allo spazio della Guerra Fredda con l'Unione Sovietica. Il presidente John F. Kennedy fissò l'obiettivo apparentemente impossibile di inviare uomini sulla luna e ritorno entro la fine del decennio.

L'Apollo 11 raggiunse quell'obiettivo nel 1969. Aldrin e Neil Armstrong toccarono la luna con meno di 20 secondi di carburante rimasto nel loro lander. Michael Collins volteggiava in orbita lunare nel modulo di comando.

Armstrong comunicò via radio alla NASA che erano al sicuro. Duke era all'altro capo della linea a Houston e rispose: "Roger, Tranquillità, vi riceviamo a terra. Qui un gruppo di ragazzi stava per diventare blu". Stiamo respirando di nuovo. Grazie mille!"


È stato un momento esaltante. Ma la NASA ha presto cancellato tre dei nove atterraggi lunari successivi previsti. L'interesse del pubblico scemò dopo il primo atterraggio. I costi crescenti del progetto causarono allarme. Un'esplosione a bordo dell'Apollo 13 quasi uccise il suo equipaggio. E gli americani divennero più concentrati su questioni come il Vietnam e i diritti civili.

Per un po' sembrò che anche gli ultimi due voli - Apollo 16 e 17 - sarebbero stati tagliati.


Duke "Questo pensiero mi ha attraversato la mente, secondo me la gerarchia della NASA ha cancellato le ultime tre missioni perché il clima politico stava cambiando. Hanno detto che abbiamo avuto un programma di successo e se avessimo avuto un incidente perdendo qualcuno sulla luna, queste avrebbe avuto un effetto devastante".


L'Apollo 16 finì per essere lanciato il 16 aprile 1972, volando nello spazio a bordo di un razzo Saturn V. La navicella Apollo entrò nell'orbita lunare tre giorni dopo. Ma il viaggio di Duke e Young verso la superficie fu ritardato di sei ore quando fu rilevato un problema al motore del modulo di comando.

L'equipaggio si era allenato per quasi due anni, specialmente per questi momenti di tensione.

Duke: "Mi sono chiesto come ci si sarebbe sentiti ad atterrare sulla luna, sarebbe stato travolgente emotivamente?" Ha avuto la sua risposta il 20 aprile quando lui e Young hanno guidato il loro lander Orion nella regione Descartes della luna, diventando i primi esploratori a raggiungere gli altipiani lunari.


Armstrong disse: "Questo è un piccolo passo per l'uomo. Un passo da gigante per l'umanità". Aldrin disse: "Bella vista ... Magnifica desolazione".

Duke, che a 36 anni era il più giovane dei moonwalker, ha semplicemente urlato: "Hot dog! È fantastico!". Duke sorride al ricordo... "Quando siamo arrivati alla nostra missione, a nessuno importava davvero cosa avrei detto, non avevo preparato nulla ... John non era un pensatore profondo. Nemmeno io lo ero, a quel punto".


Per molte persone, le immagini durature dell'Apollo 16 coinvolgono affascinanti riprese video di Duke e Young che vagano attraverso la regolite lunare in un rover lunare con motore elettrico.

Sembravano estranei da un pianeta sconosciuto. Duke ricorda quanto sia stato gioioso e nel tempo l'esperienza avrebbe cambiato profondamente la sua vita.


Molti scienziati pensavano che la regione di Descartes presentasse rocce che erano state modellate dall'attività vulcanica, dimostrando che la luna si era evoluta in un lungo periodo di tempo. Invece, Young e Duke trovarono rocce che erano associate a meteoriti.


Duke: "La nostra formazione era tutta da un punto di vista evolutivo e scientifico, non c'è mai stato alcun accenno al fatto che Dio avesse creato tutto all'istante o qualcosa del genere. Era solo evoluzione".

Era stato cresciuto in una famiglia battista, ma non ha messo fortemente in discussione la sua formazione scientifica fino a più tardi, quando stava lasciando la NASA e sperimentando problemi nel suo matrimonio. Duke racconta che lui e sua moglie, Dotty, hanno subito una conversione religiosa che li ha portati alla convinzione creazionista che tutto nell'universo è stato creato da un Dio.

Duke:"Lo spirito di Dio ha parlato al mio cuore e ha detto: Puoi credere a questo o puoi credere a loro. Cosa vuoi fare?" Lui ha scelto il creazionismo, una convinzione che mantiene ancora oggi.

Gli domando se non crede che la NASA lo avrebbe automaticamente rifiutato se avesse espresso questa convinzione mentre ambiva al posto come astronauta dell’Apollo?

Duke: “Quella convinzione non ha nulla a che fare con le tue capacità”.


Grazie Charlie!

Luigi Pizzimenti


             Con Charlie e Dotty Duke


 Con Charlie Duke all'interno della replica del modulo di comando Apollo.


 Charlie Duke è autore della prefazione del mio libro sul Programma Apollo


50 years ago, Apollo 16 was the tenth crewed mission in the United States Apollo space program, the fifth and second-to-last to land on the Moon, and the second to land in the lunar highlands. The second of Apollo's "J missions," it was crewed by Commander John Young, Lunar Module Pilot Charles Duke and Command Module Pilot Ken Mattingly. Launched from the Kennedy Space Center in Florida at 12:54 PM EST on April 16, 1972, the mission lasted 11 days, and concluded at 2:45 p.m. EST on April 27.

"Original Apollo 16 Spacecraft Commentary signed in presence by Charlie Duke". (from my personal collection)

Commenti

Post popolari in questo blog

PROGETTO APOLLO "Il sogno più grande dell'uomo"

Pillole di Apollo: come si indossa una tuta lunare Apollo?

Ti porto la Luna 2017