lunedì 19 marzo 2018

Paolo Nespoli: iniziato il post-flight tour

Dopo avere assistito al lancio di Nespoli dal cosmodromo di baikonur a luglio, non potevo mancare al primo importante appuntamento del post-flight tour dell’astronauta ASI e ESA, Paolo Nespoli.

Il tour prende il via da Torino, “città dello spazio” italiano presso gli stabilimenti Altec e Thales Alenia Space, dedicati rispettivamente al supporto logistico alla Stazione spaziale internazionale e dove sono stati realizzati gran parte dei moduli abitativi della Stazione, incontrando tecnici e addetti ai lavori che hanno supportato la permanenza in orbita dell’astronauta.

Paolo Nespoli 

Da sinistra: Vincenzo Giorgio, Paolo Nespoli e Fabio Massimo Grimaldi 
La visita degli stabilimenti Altec di Torino è iniziata già al mattino, con Nespoli, accompagnato dagli addetti stampa di ASI e ESA. La visita è proseguita con un incontro con i dipendenti nella sala conferenze. Spettacolari le immagini che scorrevano sul grande schermo, con Nespoli entusiasmante come sempre a raccontare le mille emozioni vissute durante la sua ultima missione spaziale. Al termine, numerose le domande e le curiosità sui mesi vissuti nello spazio dal nostro astronauta. Alla domanda se la Stazione Spaziale Internazionale gli è sembrata “invecchiata” dopo la sua prima missione di lunga durata, Nespoli ha risposto così: “Il segmento europeo e americano appaiono sorprendentemente nuovi, ben curati, al contrario nel segmento russo, ho visto maniglie senza vernice e parti usurate”. Al termine Nespoli ha donato al Dott. Grimaldi, Presidente di Altec, una patch della sua missione che ha volato con lui sulla ISS.

Paolo Nespoli e  Walter Cugno

La visita è proseguita al mission control center di Thales Alenia Space, per incontrare i direttori di volo e gli ingegneri. Tanti i giovani, e questo fa ben sperare per il futuro, come tante le domande tecniche sui componenti utilizzati da Nespoli durante la missione. Preziosi i consigli dell’esperto astronauta, che ha invitato gli ingegneri a semplificare per rendere più semplice il lavoro in orbita. Spesso procedure troppo complesse creano frustrazione agli astronauti che devono tenere sotto controllo ogni componente che “svolazza” sulla ISS!

Da sinistra: Vincenzo Giorgio, Walter Cugno e Paolo Nespoli nella camera bianca.

Al termine c’è stato un pranzo offerto da Thales Alenia Space. Dopo pranzo Nespoli ha partecipato al Tg scientifico della Rai, Leonardo.

Di seguito alle ore 18,30 ha preso il via una tavola rotonda dal titolo “Lift Off. Parte il razzo della Space Economy” presso l’Auditorium del grattacielo Intesa Sanpaolo, con la partecipazione di: Fabio Massimo Grimaldi, presidente Altec, Roberto Battiston, presidente dell’Asi, Walter Cugno, vice Presidente Esplorazione e Scienza di Thales Alenia Space Italia, Vincenzo Giorgio, amministratore delegato Altec, Marco Boglione, presidente BasicNet, Licia Mattioli, vice presidente Confindustria, Tommaso Ghidini, head of the structures, Mechanisms and Materials Division dell’Esa e Mario Costantini, direttore generale Intesa Sanpaolo Innovation Center.

Finalmente è arrivato il momento di Paolo Nespoli salito sul palco accolto da un fragoroso applauso. Nespoli attraverso la proiezione di straordinarie  immagini ha ripercorso la sua ultima missione, raccontando le difficoltà superate, ma anche momenti divertenti vissuti con i colleghi sulla ISS. Ha raccontato che durante questa missione lui e l’equipaggio hanno scattato circa 800.000 immagini! Il soggetto preferito da Nespoli? L’Italia ovviamente! 

Alla mia domanda: Cosa farà da grande? Nespoli sorridendo ha risposto: "vorrei volare ancora una volta e forse mi rivolgerò alle imprese private, per godermi la Cupola della ISS senza Houston che mi richiama al lavoro".

Le altre date:

Il tour prosegue domani, 20 marzo con la tappa di Parma, diversi gli incontri aperti al pubblico presso alcune strutture cittadine, in una delle quali sarà presente anche il sindaco Federico Pizzarotti. L’astronauta insieme al fumettista Leo Ortolani presenteranno il volume, appositamente disegnato, “C’è spazio per tutti” ambientato sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Mercoledì 21 marzo, tappa a Milano. Paolo Nespoli dalle 17.30 sarà al museo della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” per diversi incontri con il pubblico organizzati da Asi, ESA e National Geographic per la presentazione del film “One Strange Rock” realizzato in collaborazione con la Nasa, protagonista l’attore Will Smith. Alcune scene di questo film sono state girate da Nespoli durante il suo soggiorno a bordo della ISS.

Giovedì 22 marzo, sempre a Milano ci sarà nel corso della mattina un nuovo appuntamento al museo Leonardo da Vinci organizzato con la Panini Comics dove l’astronauta insieme a Leo Ortolani incontrerà gli studenti. Nel tardo pomeriggio Paolo Nespoli, insieme ai rappresentanti di Asi e Esa, saranno ricevuti dal primo cittadino di Milano Giuseppe Sala con il quale assisteranno al film “Expedition” realizzato dalla regista Alessandra Bonavina per la Omnia Gold Studio Production, dedicato al dietro le quinte della Missione Vita.

Venerdì 23 marzo, a Bologna l’astronauta incontrerà il pubblico al FICO (Fabbrica Italiana Contadina) il più grande parco agroalimentare del mondo. Il cibo tipico del proprio Paese è un elemento fondamentale in ogni missione spaziale e oltre a fornire all’astronauta un corretto sostentamento e una sensazione di vicinanza alla Terra, rappresenta una sfida in vista di possibili colonie umane su altri corpi celesti.

Sabato 24 marzo, tappa a Roma per l’evento globale del WWF, Earth Hour 2018-Connect2Earth dedicato all’ambiente e a il clima. Paolo Nespoli parteciperà allo spegnimento delle luci che illuminano il Colosseo e della Basilica di San Pietro.


La missione Vita dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) è iniziata il 28 luglio del 2017 con il lancio della capsula Soyuz MS-05 dal cosmodromo di Baikonur e si è conclusa, dopo 2158 orbite, il 14 dicembre con l’atterraggio della capsula nel deserto della regione centrale desertica del Kazakhstan. A bordo l’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) Paolo Nespoli al suo terzo volo di cui due di lunga durata, il comandante russo Sergey Ryazansky e l’americano Randy Bresnik entrambi alla seconda missione nello spazio. I tre nel corso del volo durato 4 mesi e mezzo hanno fatto parte dell’Expedition 52/53. Paolo Nespoli 60 anni compiuti il 6 aprile del 2017, ha totalizzato nel corso dei suoi tre voli 313 giorni, 2 ore e 36 minuti trascorsi fuori dall’atmosfera diventando così l’astronauta italiano con più esperienza “extraterrestre”. Nespoli, 60 anni, detiene inoltre il record mondiale dell’astronauta più anziano ad essere stato lanciato nello Spazio per una missione di lunga durata.


Luigi Pizzimenti con Paolo Nespoli presso Thales Alenia Space a Torino

Nessun commento: