Charlie Duke Apollo 16 Lmp




E’ stato probabilmente l’ambiente più ostile in cui mi sia mai trovato in una situazione di volo. Eppure mi sentivo molto pacifico e sereno … Non avvertivi la paura dell’ambiente ostile … C’era serenità e pace sulla Luna. Una grande pace interiore. C’era un senso di sicurezza che derivava dall’essere li e la missione stava procedendo. Molta confidenza nelle tue capacità. Ci eravamo allenati per 2 anni e mezzo – sapevamo cosa fare … Avvertivi un senso di appartenenza. Mi sentivo confidente. C’era un forte senso di confidenza – lì c’era Stone; lì North Ray; lì Smokey; lì il cratere Dot. Avrò visto le loro foto un migliaio di volte! Ed eccoli qui! Eravamo esattamente in una di quelle fotografie. E mi sentivo a casa … Credo che l’accuratezza dell’allenamento e tutta la pianificazione e gli studi fatti prima del volo ci abbiano precondizionati. Ma se il modulo lunare avesse proseguito la sua corsa e fossimo allunati a 40 miglia di distanza a nord o ad ovest, non credo che sarebbe stato più terrificante. 
                                     Charlie Duke (dal libro Voices from the Moon)



Il mio rapporto di amicizia con Charlie e Dotty Duke risale al 2008 quando li incontrai per la prima volta a San Diego in California. Nell'occasione ho invitato Duke a Rovereto per aprire la mostra "Back to the Moon" nel maggio 2009. Duke accettò senza esitazione e dopo la sua visita mi fece un grande regalo: scrisse la prefazione del libro Progetto Apollo "Il sogno più grande dell'uomo".



Dotty e Charlie Duke a Rovereto testano il Lunar rover ricostruito per l'occasione



Nel 2012 l'ho invitato ad inaugurare la mostra Esplorando che si è tenuta a Varese nel mese di marzo. Fu un grande successo di pubblico. Nell'occasione inaugurò la replica del Modulo di Comando "Casper".


Con Duke all'interno di Casper


Dotty e Charlie Duke ammirano la roccia lunare 


Durante un suo viaggio in Italia, ho avuto il piacere di ospitarlo al Museo del Volo di Volandia. I coniugi Duke hanno potuto apprezzare le storiche officine Caproni, gli innumerevoli velivoli esposti e in particolare il Padiglione Spazio. Ha rivisto con piacere il Modulo di Comando allestito in una grande sala con alcuni cimeli dell'epoca Apollo. Duke, con la sua umiltà e disponibilità verso tutti, ha lasciato un piacevole ricordo.  Grazie Charlie!


Alcuni momenti della visita. Foto di Giuseppe Bartolaccini











Commenti

Unknown ha detto…
Lunedi sono partito dalla Toscana per andare a conoscerlo a Bologna. È veramente una persona speciale. Custodiró il suo autografo sul mio modello di Lem come uno dei miei oggetti più cari.
spaceforsale ha detto…
Si, Charlie Duke è una persona speciale. Grazie Michele.

Post popolari in questo blog

PROGETTO APOLLO "Il sogno più grande dell'uomo"

Pillole di Apollo: come si indossa una tuta lunare Apollo?

Ti porto la Luna 2017