mercoledì 3 febbraio 2016

Il nuovo Modulo Lunare Russo

Manca ancora un decennio, prima che si possa pensare di tornare sulla Luna con degli uomini, ma  per la prima volta dalla fine della corsa alla Luna, gli ingegneri russi hanno iniziato a lavorare su un lander lunare in grado di trasportare  gli  astronauti sulla Luna.

La macchina a quattro "zampe" sarà in grado di portare almeno due cosmonauti da un'orbita lunare sulla superficie della Luna. È stato sviluppato per  obiettivi strategici della Russia ma anche per una possibile e aggiungerei auspicabile cooperazione internazionale. Magari con l'europa.


Raffigurazione grafica del lander Credit Anatoly Zak

La sonda avrà un peso di quasi 20 tonnellate e assomiglierà al famoso Modulo Lunare Eagle, che nel luglio del 1969, la missione Apollo 11 portò Neil Armstrong e Buzz Aldrin sulla Luna. Il nuovo design russo è stato ideato su misura per un più piccolo è più economico razzo Angara-5V, piuttosto che un per un gigantesco razzo come il Saturn V dell'era Apollo.

Gli ingegneri russi contano su un paio di razzi Angara-5V per portare il modulo di atterraggio senza equipaggio verso il suo punto di partenza nell'orbita lunare. Sarebbero necessari 2 razzi per portare una navicella con quattro cosmonauti dalla Terra all'orbita lunare e una volta giunti in orbita lunare,  due membri dell'equipaggio potrebbero poi trasferirsi nel modulo lunare, (lanciato con il secondo razzo), sganciarsi e scendere sulla Luna.


Raffigurazione grafica del razzo Angara-5VCredit Anatoly Zak 

Secondo i più recenti piani, il primo sbarco russo sulla Luna potrebbe avvenire alla fine del 2020. Purtroppo, il programma spaziale russo è stato drasticamente rallentato negli ultimi anni, a causa di problemi economici del paese. Tuttavia, vi è una possibilità che nei prossimi anni, le principali agenzie spaziali possano trovare un accordo per una cooperazione spaziale su larga scala dopo il successo della Stazione Spaziale Internazionale che concluderà la sua missione nella seconda metà degli anni 2020.

Nonostante le aspirazioni della NASA di andare dritti verso Marte, è sempre più chiaro che per i suoi partner, in primo luogo la Russia e l'Europa, sarebbe più conveniente per iniziare con la Luna.
Se gli Stati Uniti cambiassero rotta e concordassero un programma lunare congiunto, il  lander lunare russo potrebbe venire molto utile.  Questo perché la NASA, per risparmiare fondi, ha abbandonato da tempo il proprio lavoro sul lander lunare Altair. 
Allo stesso tempo, l'agenzia statunitense si muove costantemente alla costruzione del grande razzo SLS, che è particolarmente adatto per le missioni lunari.  Il veicolo spaziale Orion sarebbe in grado di portare l'equipaggio in orbita lunare a poche centinaia di chilometri dalla Luna e l'unico pezzo mancante, ma fondamentale per la spedizione lunare,  sarebbe il veicolo per trasportare gli astronauti sulla superficie.

Oggi il lander ideato dagli ingegneri russi, peserebbe in totale circa 20 tonnellate,  con un modulo di discesa di circa 11 tonnellate, mentre quello di risalita peserebbe circa 8.5 tonnellate. (in questa fase i pesi sono puramente indicativi).
La cabina avrà due portelli, uno nella parte anteriore del modulo che conduce ad una scala per la discesa sulla superficie e un'altra nel portello di docking situato nella parte superiore per il trasferimento degli astronauti tra il modulo lunare e la navicella madre.

                         Raffigurazione grafica del lander sulla luna. Credit Anatoly Zak

Finora, ingegneri russi hanno esaminato attentamente vari layout per la cabina degli astronauti, a forma di cono e alcune forme globulari,  ma alla fine sono state abbandonate in favore di un design cilindrico classico. Per risparmiare spazio all'interno, gli ingegneri hanno sospeso i serbatoi di propellente all'esterno del modulo di risalita.

Attualmente, gli ingegneri russi stanno costruendo due lander lunari robotici,  il primo dei quali è previsto che atterrerà in una regione polare della Luna nel 2018. Se il programma congiunto di esplorazione lunare andrà avanti, nel  2019  il lander automatico diventerà un precursore per le missioni umane e anche per una base lunare occupata in modo permanente dagli esseri umani.  Credit Anatoly Zak di RussianSpaceWeb.com

Raffigurazione grafica del lander automatico sulla luna. Credit Anatoly Zak


Nessun commento: