La NASA sceglie i 3 team per il nuovo lander lunare

Oggi durante la conferenza NASA, 3 aziende: Dynetics, SpaceX e il team capitanato da Blue Origin, sono state selezionate per sviluppare il sistema di atterraggio umano sulla Luna per il programma Artemis.  Le tre compagnie avranno 10 mesi di tempo per presentare il progetto finale. 

I tre progetti in gara

Con un notevole investimento pari a 979 milioni di dollari, i funzionari dell'agenzia spaziale hanno ribadito in  che restano impegnati a far atterrare una coppia di astronauti sulla Luna entro il 2024 e a costruire una presenza sostenibile entro il 2028. Alla domanda se il 2024 fosse ancora "sul tavolo" nonostante la pandemia COVID-19 e la miriade di altre sfide con una linea temporale così "aggressiva", il capo del volo spaziale umano della NASA, Doug Loverro, ha risposto: "Non è solo sul tavolo, è il tavolo".

L'amministratore della NASA Jim Bridenstine: "Con i tre appaltatori penso che la NASA abbia tutto ciò che serve per avere successo per l'atterraggio del 2024, e non solo, abbiamo ciò che è necessario per una presenza lunare sostenibile entro il 2028. Siamo entusiasti. Ognuno di questi appaltatori non porta solo progetti unici, ma anche storie e filosofie uniche. Tutto questo rende la NASA migliore".

Bridenstine ha aggiunto che gli importi dei singoli premi non riflettono una classifica o una preferenza da parte dell'agenzia spaziale, ma si basano sugli importi richiesti da ciascuna delle tre squadre e sulla portata del lavoro da completare nei prossimi 10 mesi.  Bridenstine:"Alcune persone potrebbero guardare agli importi erogati e pensare che stiamo facendo dei favoritismi, in realtà non è così".

La NASA sta adottando un duplice approccio verso il programma Artemis. L'agenzia ha un chiaro mandato dalla Casa Bianca di fare atterrare gli esseri umani sulla Luna entro il 2024. Alcuni hanno giudicato il 2024 come una data "politica", ma i sostenitori della linea temporale veloce dicono che la Casa Bianca ha iniettato la necessaria urgenza nel programma. Allo stesso tempo, la NASA vuole e deve anche evitare le insidie del Programma Apollo, che ha effettuato sei missioni sulla Luna e poi si è concluso a causa degli alti costi.  Il costo stimato per l'atterraggio sulla Luna nel 2024 è di 35 miliardi di dollari.




I tre contendenti


Dynetics

Il Team Dynetics è uno dei tre principali appaltatori selezionati. Il progetto è supportato da partner e subappaltatori e comprende Thales Alenia Space Italia. Dynetics ha ottenuto dalla NASA 253 milioni di dollari.La compagnia include la Sierra Nevada Corporation come partner principale.

L'approccio Dynetics consente la riutilizzabilità e la sostenibilità a breve termine e fornisce una capacità di atterraggio robusta e supportata commercialmente, pur vantando tecnologie collaudate per l'habitat, l'energia, il termico e altri sottosistemi. Il lander ALPACA è progettato per ospitare due membri dell'equipaggio per missioni nominali dall'orbita lunare alla superficie lunare e viceversa, compresa la permanenza sulla superficie lunare per circa una settimana. In alternativa, può trasportare fino a quattro membri dell'equipaggio da o verso la superficie lunare. 

"Non c'è davvero missione più eccitante di quella di portare esseri umani verso  altri corpi planetari", ha detto Kim Doering, vice presidente della Dynetics Space Systems. "Tuttavia, è anche uno degli sforzi più impegnativi, soprattutto se si considera l'obiettivo di atterrare sulla Luna nel 2024. Crediamo che la Dynetics abbia la ricetta per il successo finale".

Il Dynetics HLS può essere completamente integrato e lanciato dal sistema di lancio spaziale (SLS). Per i lanci commerciali, può volare a bordo del razzo Vulcan Centaur della United Launch Alliance.             

Con Dynetics come appaltatore principale e system integrator, il team è composto da un'ampia e diversificata serie di piccole e medie imprese, nonché da centri sul campo della NASA con competenze tecniche ed esperienza programmatica riconosciute nel settore. Il team guidato da Dynetics si trova in 17 stati degli Stati Uniti e in un paese internazionale. I principali componenti e sottosistemi saranno costruiti, testati e integrati in una struttura Dynetics nel nord dell'Alabama. 

Thales Alenia Space sarà impegnata nella progettazione della capsula che ospiterà l’equipaggio: struttura principale, finestre, portelloni di ingresso e uscita per attività extra-veicolari oltre ai sistemi di protezione termica e micro-meteoritica. La  struttura della cabina pressurizzata sarà il "core" dell'intero sviluppo del lander, per la sicurezza degli astronauti  Il piano è infatti quello di presentare la Preliminary Design Review (PDR) entro l’anno, al fine di poter essere pronti nel momento in cui NASA selezionerà il gruppo vincente, alla  realizzazione delle prime due unità di volo designate per le missioni del 2024 e del 2026. 
Il nuovo ceo di Thales Alenia Space Italia e Senior Executive Vice President del Dominio di Osservazione, Esplorazione e Navigazione in Thales Alenia Space, Massimo Comparini dopo l'assegnazione del bando, ha dichiarato: “In questo momento decisivo per le missioni spaziali umane, siamo orgogliosi e onorati di essere al fianco di Dynetics. Thales Alenia Space ha il privilegio di poter contribuire a questa grande avventura. L'azienda è  da sempre impegnata nell’esplorazione spaziale e metterà in pratica i suoi oltre 40 anni di esperienza sul campo per realizzare in sicurezza il lander che porterà la prima donna e il prossimo uomo a camminare sul suolo lunare”.

Dynetics sta anche fornendo hardware critico allo stadio centrale del sistema di lancio spaziale della NASA (SLS), allo stadio superiore di esplorazione, al veicolo dell'equipaggio polivalente di Orion e alla stazione spaziale internazionale (ISS).



                                            Credit: Dynetics






Blue Origin

Il 'National Team' guidato da Blue Origin ha ottenuto dalla NASA 579 milioni di dollari. 



L'utilizzo delle tecnologie esistenti e quelle in fase di sviluppo permetteranno di raggiungere l'obiettivo della NASA di atterrare al Polo Sud della Luna. Il modulo di ascesa della Lockheed Martin è basato su Orion; l'Elemento di trasferimento della Northrop Grumman è basato su Cygnus; e il modulo di discesa di Blue Origin è basato sul lander Blue Moon e sul motore BE-7, che è in sviluppo da diversi anni.

Bob Smith, CEO di Blue Origin ha dichiarato: "Il programma Artemis della NASA sarà la prossima grande pietra miliare nella storia del volo umano nello spazio e siamo onorati di farne parte. Il nostro team porta un patrimonio, una passione e un'innovazione senza pari che permetterà agli americani di tornare sulla superficie lunare e di ispirare un'altra generazione. È ora di tornare sulla Luna, questa volta per restare".

"Lockheed Martin è onorata di essere partner di Blue Origin, viviamo un momento storico che il mondo ricorderà per generazioni", ha dichiarato Rick Ambrose, vicepresidente esecutivo della Lockheed Martin Space. "Gli astronauti di Artemis scenderanno sulla superficie e saliranno in orbita lunare all'interno di un modulo di risalita avanzato. Il modo migliore per realizzare tutto questo in modo sicuro e rapido è sfruttare l'investimento della NASA nella capsula Orion, un'astronave spaziale già esistente, che massimizza l'addestramento e le operazioni comuni".

"Riportare gli esseri umani sulla superficie lunare è un obiettivo stimolante per la nostra nazione", ha detto Blake Larson, vice presidente aziendale e presidente della Northrop Grumman Space Systems. "Siamo orgogliosi di sostenere questo team e la NASA con la nostra decennale esperienza.

"L'ampia esperienza della  Draper nel campo dell'avionica per l'esplorazione umana sono rafforzati dai lavori in corso sull'Orion della Lockheed Martin, sull'SLS della NASA, sul motore Cygnus di Northrop Grumman e sul motore Blue Origin, nei programmi New Glenn e Blue Moon", ha dichiarato Seamus Tuohy, Direttore Principale dei Sistemi Spaziali, Draper. "Siamo pronti con questo grande team a riportare gli umani sulla Luna.

Ogni partner del team porta soluzioni come leader del settore:
Blue Origin, in qualità di capocommessa, guida la gestione del programma, l'ingegneria dei sistemi, la sicurezza e la garanzia delle missioni, l'ingegneria e le operazioni di missione; e sviluppa il modulo di discesa.
Lockheed Martin sviluppa il veicolo riutilizzabile Ascent Element e condurrà le operazioni di volo con equipaggio e il loro addestramento.
Northrop Grumman sviluppa il veicolo di trasferimento che porta il sistema di atterraggio in orbita lunare bassa per la discesa finale.
Draper guida la discesa e fornisce l'avionica di volo.
Il Team non vede l'ora di intraprendere i prossimi passi con la NASA e di continuare a progredire per tornare sulla Luna - questa volta per restare. Credit Blue Origin

Credit Blue Origin



SpaceX



SpaceX è la terza società seleziona dalla NASA. La compagnia di Elon Musk ha ottenuto 135 milioni di dollari. 

L'azienda è già un solido partner della NASA, vedi il prossimo lancio con due astronauti americani che partiranno con la capsula DRAGON per raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale, inoltre  Starship potrebbe offrire alla NASA una soluzione con un sistema riutilizzabile ed a basso costo.

Il ritorno sulla Luna e lo sviluppo di basi per sostenere le future esplorazioni spaziali richiede il trasporto di grandi quantità di moduli verso la Luna per la ricerca e lo sviluppo.

Il sistema di SpaceX completamente riutilizzabile è in grado di sostenere questo sforzo trasportando i moduli necessari per consentire la costruzione di  una base lunare. 

Uno dei vantaggi di Starship è quello di essere in grado di trasportare 110 tonnellate fino alla superficie della luna

SpaceX ha in programma una sua missione con equipaggio per un volo intorno alla luna prenotato dal miliardario giapponese Yusaku Maezawa, che ha in programma di portare con sé una manciata di artisti. La missione è prevista per il 2023. 


                                 Illustrazione artistica Credito: SpaceX


Questo articolo vi arriva grazie alle donazioni dei lettori. 
Contribuisci anche tu.

Commenti

Post popolari in questo blog

PROGETTO APOLLO "Il sogno più grande dell'uomo"

Pillole di Apollo: come si indossa una tuta lunare Apollo?

Ti porto la Luna 2017